Fiacchezza

Stamattina sono dovuta (e sottolineo dovuta) uscire di casa. La mia tendenza alla marmottaggine viene esaltata dalle condizioni climatiche estreme, e quindi ogni sortita è guidata dal verbo “dovere”. Comunque non è stato male, in scooter si hanno perfino dei nanosecondi di sollievo, se non fosse che ogni tanto ci si deve fermare, scendere, sollevare il mezzo sul cavalletto, armeggiare col bauletto e così via. In questi giorni in cui perfino cambiare posizione sulla sedia mi crea un senso di spossatezza, ogni attività muscolare mi preoccupa e se posso, la evito.

Perché fa caldo, fa molto caldo. Dopo i tumultuosi avvenimenti libici e la miseria che avanza, è la notizia più di moda in questo periodo. Come se non ce ne accorgessimo da soli. Come se avessimo tutti i recettori fuori uso, il sistema di termoregolazione in tilt, noi, poveri mammiferi omeotermi alle prese con la grande impresa di mantenere costante la temperatura.

Diteci qualcosa che non sappiamo, che ci sia di una qualche utilità. Non ci raccontate che Berlusconi è dimagrito, che Vasco Rossi è diventato un vecchio rimbambito, che Tizio si è fidanzato, che Caio gioca a racchettoni sulla spiaggia di Sabaudia. Che io manco sapevo dove fosse Sabaudia, o che esistesse. Ecco, meglio sarebbe dunque una disamina su luoghi poco noti; sono favorevole alle lezioni di geografia, di botanica, di storia antica.

Ma risparmiateci il quotidiano ripasso su quanto si suda quando fa caldo. Lo sappiamo, siamo noi quelli sudati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...