Red Carpet (ovvero una buona parola per tutti)

Stanotte hanno assegnato gli Oscar. Ma siccome sto prendendo questo abbrivio da modaiola (scherzo eh), non tratterò dei premi ma delle mise sul red carpet.

Ho scritto mise ma so che bisogna chiamarli outfit, l’ho imparato da quando sto in Second Life e devo agghindare il mio avatar per le varie occasioni.

Ecco quindi in ordine casuale:

Ellie Camper con un abito Armani.

L’abito luccicante sottolinea l’incarnato color anemia della famosa Ellie Camper. Io non la conosco, ma da qualche parte sarà famosa.

Resta il dubbio se abbia scelto l’abito in base alla tinta dei capelli o se, viceversa, si sia presentata dal parrucchiere con un campione della stoffa. “Li voglio di questo colore”.

 

 

Gwyneth Paltrow, una dea firmata Tom Ford.

 

 

 

 E qui sulla destra più che una donna, una statuina.

A me l’abito piace molto, anche se l’avrei preferito addosso a una mora. Non so, mi pare un po’ slavata, per quanto la Gwyneth abbia molto stile, a parte quel marito che si è scelta. Mah.

 

 

 

 

Michelle Williams, stile abat jour, ma di Louis Vuitton. Ah beh allora…

Questo non mi piace. Mi ricorda i tavolini vestiti, con le tovagliette sopra, stile toilette, oppure le tendine sotto gli acquai delle cucine rustiche.

Lei è bellina, ma è troppo secca e questo color pesca carotata le ammazza il colorito.

 

 

 

 

 

 

Melissa McCarthy veste Marina Rinaldi, anzi è il contrario.

 

 Melissa, volto noto di alcune serie TV, l’ho scelta per ovvi motivi. Perché non è possibile che siano tutte più magre di me su quel dannato tappeto.

E quindi evviva l’abito drappeggiato, stile tendone, color rosa antico con vita… sottopetto e collarino in perline e strass.

 

 

 

Milla Jovovich indossa un Ellie Saab (mai sentita prima).

 

Voglio vedere chi ha il coraggio di dire qualcosa a questa qui.

A me pare perfetta: posa, labbra rosso fuoco e monospalla perfettamente in equilibrio con il braccio attrezzato con gioielli e pochette.

Bene anche la lunghezza dell’abito, anche se a rischio inciampo ad ogni passo.

 

 

 

 

Natalie Portman indossa un Dior d’annata e un marito tanto carino.

 

L’abito della Portman sa di stantio. Hai voglia a chiamarlo vintage. Quei pallini neri sul rosso, la linea svasata… un po’ pissera.

Ma lei è bellissima e pure il marito coreografo. E il fatto che si chiami Millepied mi ha sempre fatto tanta simpatia.

 

 

 

 

 

 

 

Jessica Chastain con un abito Alexander McQueen e due culone sullo sfondo.

  Ignoro chi sia questa pallida rossa, l’abito è abbastanza carico da piacermi, ma mi chiedo perché le maestranze non si presentino in modo più decoroso.

Quando si possiedono due cosce in quella maniera non ci si mette i pantaloni aderenti. Soprattutto se si rischia di venire immortalati alle spalle di una semidea.

 

 

 

 

 

Sandra Bullock in Marchesa.

Potrei andare avanti, ma mi fermo alla mia preferita.

Qualcuno l’ha criticato, a me piace molto. Amo il bianco e nero, e lo sbriluccichio e anche le scollature a sorpresa (la Sandra ha la schiena nuda). E anche lo strascico.

 

 

 

L’ultima riflessione riguarda quelle microborsettine che tengono in mano quasi tutte. Ma come fanno a metterci dentro quel minimo indispensabile come cellulare, trousse per il trucco, agenda, portafoglio, chiavi, altro cellulare, tessera dell’autobus, fazzoletti, amuchina, profumino, moleskine per gli appunti, penne, HD portatile, penne USB, occhiali, borsine per la spesa, guanti etc. ?

Dovrò scoprirlo, anche se io ho più probabilità di trovarmi al tappeto che su quel tappeto.

Annunci

2 pensieri su “Red Carpet (ovvero una buona parola per tutti)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...