Tempi duri

Ho aspettato. Volevo smettere di lamentarmi, di contestare, di scrivere invettive. Così ho aspettato una buona notizia, qualcosa di bello da dire.

Prima di andare fuori tempo massimo una buona nuova l’ho trovata.

Ha riaperto il supermercato vicino a casa e tutte le anziane del quartiere esultano. Me compresa, che non dovrò più affrontare la caccia alla spesa nelle rare botteghe rimaste.

Mi dispiace, ma di meglio non ho proprio trovato.

I Quindici

Esattamente quindici anni fa, il 10 aprile 1998, forse a quest’ora, sono entrata per la prima volta nel web. Lavoravo all’università e in quel bel giorno di primavera anche il nostro laboratorio venne dotato di connessione internet.

Quanti ricordi, quante belle persone.

Quante? Molto poche, davvero poche. Il resto è zavorra. Mi dispiace ammetterlo, ma è stato così e continua ad esserlo.

Ma conciosiacosaché continuo ad amare il web e lo ringrazio, per le code risparmiate davanti alle biglietterie di ogni genere, per le informazioni, per le tante cose che ho imparato, per le belle immagini e soprattutto per la caterva di serie tv che riesco a seguire senza dover accendere il televisore.

Thank you.

P.S. Non so dove sarò tra 15 anni, ci sono buone probabilità che io sia ancora vivente. Prevedo però che sarò ancora più disillusa e stufa. Ma almeno avrò l’età giusta per essere una vecchia brontolona. Non vedo l’ora.