Artigianato in mostra

03

Decoratore nepalese. In primo piano campane tibetane.

Anche quest’anno non ho potuto mancare la consueta visita alla Mostra dell’Artigianato, fa parte della tradizione di Firenze e mia personale. È rassicurante come il concerto di capodanno da Vienna in TV, prima che lo abolissero.

Da piccola ci andavo con mio padre, e, anche se la sede era diversa, è lì che mi sono persa a tre anni, nella folla: ricordo ancora la sensazione e la foresta di gambe altissime. Ora le gambe di tutti si sono accorciate, ma riesco a perdermi lo stesso: stavolta però non scoppio a piangere.

Spezie dal Marocco

Spezie dal Marocco

Pur evitando il padiglione gastronomico e gli stand infantili (cibo e bambini, un’accoppiata di poco interesse), non sono riuscita a esaurire la visita, ci voleva più tempo e più gambe.

O forse son le mie che si stancano con facilità.

Lezione di kimono.

Lezione di kimono.

Ceramiche nordafricane (presumibilmente).

Ceramiche nordafricane (presumibilmente).

E finalmente ho trovato un Tardis!

E finalmente ho trovato un Tardis!

Guerriero della Costa d'Avorio.

Guerriero della Costa d’Avorio.

Questa è una stampante 3D in azione. Volevo vederne una da tempo; molto interessante!

Questa è una stampante 3D in azione. Volevo vederne una da tempo; molto interessante!

Campanelle ornamentali dalla Lituania

Campanelle ornamentali dalla Lituania

Semplificazioni

Mi sento in colpa se mi lamento troppo. Per questo ho deciso di condividere col mondo la mia lietezza nell’aver scoperto che non è più necessario inviare per raccomandata i certificati di malattia all’INPS.

L'immagine è puramente ornamentale.

L’immagine è puramente ornamentale.

Non avendo più un’occupazione da dipendente (anzi, non avendola affatto) da anni, è stata una rivelazione recente che mi ha sorpreso. Mi piace pensare che la novità sia stata introdotta anche in seguito alle mie rimostranze, quando anni fa, con la polmonite, dovetti recarmi di persona all’ufficio postale per effettuare la spedizione.

Sebbene non abbia avuto avvisi di epidemie all’epoca, ricordo che rabbiosamente tossivo spargendo batteri nell’aere, maledicendo i burocrati ottusi che ignoravano le esigenze dei lavoratori malati e soli.

Ora che l’istanza è stata recepita non mi resta che trovare un lavoro che mi permetta di ammalarmi tranquillamente.

Trash_endence

Transcendence, ovvero “dove andremo a finire, signora mia?”. TRANSCENDENCE

Immaginiamo un mega computer, velocissimo, potentissimo, e anche senziente, al quale se chiedete “puoi dimostrare di avere coscienza di te stesso?” lui risponde ” tu puoi farlo?”. A questo punto i personaggi dentro il film si guardano colpiti da tanta arguzia, mentre gli spettatori al massimo cambiano posizione sulla poltrona.

Immaginiamo che dentro la rete neurale di questa intelligenza artificiale venga uploadata la mente di un essere umano. Nello specifico, il cervello di Johnny Depp, in versione scienziato stropicciato e avvelenato col polonio da un commando di terroristi, contrari agli eccessi della tecnologia perché dannosa per l’umanità. (Un classico).

Ecco che, una volta morto, lo scienziato torna sotto forma di presenza virtuale, potente, onnipresente e forse davvero pericoloso. Insomma una sorta di Her all’ennesima potenza, che, replicandosi in tutti i computer attraverso internet, potrebbe prendere il controllo di tutto, ma proprio tutto. Un altro classico: lo scienziato pazzo che vuole dominare il mondo. Ma è poi davvero cattivo il povero Johnny ridotto a un ammasso di bit?

Evito di raccontare la trama nel dettaglio per due motivi: il primo è che non voglio rovinare il gusto di chi andrà a vedere il film, il secondo è che nella seconda parte ho dormicchiato un po’. Colpa dell’ora tarda e delle poltrone troppo comode.

Comunque ho capito lo stesso, perché sono intelligente e perché tanto originale questa storia non è.

lawnmowerman5In ordine cronologico ho trovato riferimenti a Il tagliaerbe, del 1992, in cui un tizio prima bonaccione e anche un po’ ritardato, diventa sempre più intelligente e alla fine diventa pura energia per controllare tutte le reti di comunicazione.

Ma soprattutto ho ritrovato i nanorobot della serie TV Revolution in cui in un futuro distopico (quanto mi piace questa parola), la Terra si ritrova senza elettricità a causa di un misterioso evento, che somiglia molto a quello del film in questione. revolution_nanites

In conclusione, un film un po’ confuso, a tratti noioso, nonostante tanti bei nomi e belle facce (insieme a Depp ho apprezzato Paul Bettany che interpreta l’amico scienziato, che però… ).

Da 1 a 5 darei 2 palle e mezzo, come incoraggiamento.

E andiamo sempre avanti, mai avere paura della scienza e della tecnologia.

Il senso della vita di un blog

Tutti i blogger seri sono interessati a costruire una grande comunità di lettori entusiasti.

                                                          Trovata in questo sito.

In occasione del recente 16° anniversario della mia frequentazione di internet, riflettevo sul destino di questo blog silente: lo chiudo, lo tengo, lo congelo, lo sospendo, lo rimando, lo ignoro? E se decido di scrivere, cosa scrivo?

Per motivi imperscrutabili legati alla serendipità, mi ritrovo sempre più bersagliata da consigli, decaloghi, suggerimenti e indicazioni sulla gestione dei blog, dei siti e dei social media, su come ottenere visibilità e come far fruttare al massimo la comunicazione della propria azienda.

Sono spunti interessanti, non lo nego, utili anche. C’è un solo intoppo: io un’azienda non ce l’ho. E neppure sono io stessa un’azienda, non sono una creativa, non invento, non organizzo, non gestisco. Non ho nulla da pubblicizzare, nemmeno un romanzo autopubblicato (dio ce ne scampi e liberi). Non faccio foto artistiche. Non sono una fashion victim. Non mi interessa cucinare (il blog con le ricette è dichiaratamente un modo per conservare vecchi ricordi di famiglia). Non ho una passione monomaniacale che meriti un intero blog.

Prossimamente in lettura.

Prossimamente in lettura.

Insomma sono in crisi: che ci sto a fare io qui?

Mi vorrei allacciare alla citazione di apertura di questo post (post, non articolo, non editoriale, solo un post).

Se io fossi una blogger seria. Se fossi una blogger. Tutti coloro che possiedono e scrivono in un blog possono definirsi blogger? Diciamo di sì. Seria? Sì, sono una persona seria. Ma non credo di essere una blogger seria. Perché a me di costruire una grande comunità di lettori entusiasti (che ridere) non interessa punto.

Io sono una lettrice entusiasta, ma non di blog. Quando leggo Stephen King mi entusiasmo, a volte. Ecco, lui ha creato una grande comunità di lettori entusiasti. Sarebbe un blogger serio.

Ovviamente nessuna decisione è stata presa nel corso di questo post, e – a dimostrazione della mia poca serietà – non seguirò nessuno dei consigli che vengono ammanniti in rete.