Interstellar, ovvero “è solo un film” -parte prima

       Siccome il film è lungo ho pensato di dedicargli un post in due parti.

Ho visto “Interstellar” domenica scorsa, in compagnia di un radioastronomo.

Non è che io mi scelga l’accompagnatore al cinema in base al film, altrimenti guarderei solo quelli di surfisti. (“Un mercoledì da leoni” o “Point Break”, non so se mi spiego). No, casualmente colui che mi fa pedalare, e che, come si dice, condivide una parte della mia vita, fa questo mestiere.

Non è incidentale che l’abbia precisato, perché già durante la visione l’ho sentito mugugnare. Siamo ambedue appassionati di fantascienza, sia scritta che vista, da molti anni, e quindi siamo anche abbastanza smaliziati da non cadere in deliquio alla prima scena di effetti speciali in dolby surround.

Travolta dal coro ululante di un pubblico estasiato e concorde (almeno così mi pareva di primo acchito), ho provato ad avanzare qualche critica nella pagina Facebook del film, ma sembravo una mosca bianca, o una pecora nera. O una qualsiasi altra bestia dal colore acceso.

- Babbo, da grande voglio fare la ballerina. - Murph, tu ci rovini tutto il film...

– Babbo, da grande voglio fare la ballerina.
– Murph, tu ci rovini tutto il film…

Preciso che a me il film è piaciuto, tutto sommato, perché in quasi tre ore non fa nemmeno appisolare, perché il cast è solido anche nei ruoli “minori”, perché gli effetti sono speciali, perché la tensione coinvolgente e la musica avvolgente. Se non fosse stato presentato come un capolavoro assoluto, il film della svolta dell’umanità, basato su verità scientifiche, non starei qui a cavillare. Gli avrei dato quattro o cinque palle. Il problema è leggere commenti entusiasti di gente che di scienza non sa un’acca, e che invece, dopo aver visto il film, si sente con la verità in tasca pronta per capire i segreti dell’universo. Inoltre, se gli si fa presente che forse qualche “piccola” incongruenza c’è, rispondono che non capisci e che il film non è per tutti.

Poche cose mi fanno andare veramente in bestia. La più efficace è essere derubricata come se fossi una stupida, da chi non saprebbe nemmeno cosa vuol dire “derubricata”.

(continua)

Annunci

2 pensieri su “Interstellar, ovvero “è solo un film” -parte prima

  1. E se ti dicessi che in realtà la MAGGIOR parte delle cose in Interstellar sono vere? Te lo dico da laureato in astronomia con una grande passione per la la relatività e la meccanica quantistica.
    E se ti dicessi che Kip Thorne (maggiore esperto di relatiità vivente) ha prodotto il film e affermato che le nuvole di ghiaccio sono la sola cosa completamente impossibile?
    Aspetto la seconda parte per vedere cosa non vi è tornato :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...