Interstellar, ovvero “è solo un film” – parte seconda

Tra le recensioni del film del momento, ho trovato questo interessante articolo di Annalee Newitz, giornalista esperta di scienza e tecnologia, che, analizzando l’andamento di certa fantascienza, definisce anche a me stessa un paio di concetti che avevo percepito, ma non razionalizzato così chiaramente.

Per chi non avesse troppa dimestichezza con l’inglese, mi permetto di proporne una versione parziale in italiano.

Premessa: la traduzione in certi punti non è letterale, ma spero di avere mantenuto il senso del discorso. (Non sono una traduttrice, e questo passa il convento. Inoltre in alcuni passaggi ho chiesto la consulenza del mio astronomo personale, quindi se c’è qualche inesattezza la colpa è sua. Anche voi però potreste darvi da fare e studiare l’inglese, eh?).

“(…) Chiariamo subito una cosa. Non ci sono film di fantascienza che siano perfettamente corretti, quando si tratta di fisica e di altre aree della scienza. Qualsiasi storia che coinvolga il viaggio interstellare è, per definizione, basata sulla speculazione. Non abbiamo idea di come funzionerebbe un viaggio più veloce della luce, così ci affidiamo ad analogie semi-scientifiche, dai viaggi spazio-temporali (wormhole) ai salti interdimensionali, dall’ipersonno al trasferimento della mente. Queste analogie sono tutte basate sulla conoscenza scientifica contemporanea, ma naturalmente sono anche estrapolazioni imprecise che possono alla fine rivelarsi una completa sciocchezza (N.d.T. sarebbe bullshit, ma insomma ci siamo capiti…).

Ma c’è una differenza tra il viaggio spazio-tempo, che è raffigurato superbamente in “Interstellar”, e l’idea che l’amore sia una “quinta dimensione” che può consentire a un uomo di saltare all’interno di un buco nero e viaggiare a ritroso nel tempo per comunicare con la figlia di 10 anni. Questo è ciò che ci viene chiesto di credere in “Interstellar”, la cui scena culminante vede Cooper volare dentro il buco nero Gargantua. Una volta che è all’interno, viene salvato da misteriosi esseri penta-dimensionali che lo mettono in un ipercubo dove il tempo si comporta come lo spazio – siamo in grado di vedere milioni di versioni della camera della figlia intorno a lui, ognuno dei quali rappresenta una fetta di tempo.

Fino ad ora, siamo su un terreno strano, ma ancora relativamente solido, quando si tratta di scienza speculativa. Il fisico Kip Thorne, che è stato consulente del film, scrive nel libro intitolato “The Science of Interstellar” che potrebbe immaginare plausibile un tale evento. Altri fisici non sono d’accordo con lui, ma non è questo il problema. Il vero problema è che Cooper capisce come contattare sua figlia ricordando ciò che la sua collega Brand gli ha detto – che l’amore è una “forza” che trascende le dimensioni, proprio come fa il tempo. Usando la forza dell’ “amore”, che lo guida attraverso la sconcertante serie di tempo-camere, trova finalmente la giusta versione di sua figlia con cui comunicare. E le manda un messaggio attraverso il tempo.

Questo è un esempio di confusione tra fisica e metafisica, assumendo che i fenomeni osservabili come la gravità siano stati psicologici come l’amore. In altre parole, si confonde la linea tra scienza e spiritualità, senza mai ammettere però che è quello che sta succedendo.
(…)
il problema qui non è sostenere che le credenze spirituali possano mescolarsi con la realtà scientifica. Il problema è confondere le categorie. Solo perché due cose sono ugualmente importanti non significa che siano la stessa cosa. Non c’è assolutamente alcuna prova che l’amore trascenda il tempo, ma c’è una significativa prova fisica che altre dimensioni lo facciano.

Questo concetto che l’amore “trascende” lo spazio e il tempo fa un’apparizione anche in “Contact”. In quel film, basato sul lavoro di Carl Sagan, la protagonista compie un viaggio attraverso lo spazio/tempo e comunica con gli alieni che prendono la forma di suo padre. L’idea è che sono così alieni che le possono apparire solo assumendo la forma di una persona che ama. In ultima analisi, il suggerimento in “Contact” – come in “Interstellar” – è che l’amore è una forza che possiamo misurare con la fisica.

Probabilmente possiamo trovare un sacco di queste analogie tornando indietro fino a “2001: Odissea nello spazio”, che è stato scritto da Arthur C. Clarke nel 1960. In quel film, scopriamo che l’umanità è stata tirata su da alieni divini che ci hanno osservato con benevolenza per centinaia di migliaia di anni. Ora che stiamo lasciando la Terra, tornano a salutarci – e l’esperienza è rappresentata come una sorta di rinascita spirituale.

(…)

Astronauti a confronto

Astronauti a confronto

Come “Contact”, “2001 Odissea nello spazio” offre immagini totemiche con uno sforzo di rappresentare qualcosa che è profondamente irrappresentabile. E sia, ma il problema è che conduce ad una quantità di pensiero errato su ciò che è scientificamente plausibile. Ciò che è meno accettabile in film come “2001 Odissea nello spazio”, Contact, “Interstellar” e molti altri è che vogliano rivendicare una sorta di validità scientifica.

Si tratta di film che hanno lo scopo di divulgare la scienza e il nostro desiderio di colonizzare lo spazio, e tuttavia fondamentalmente mentono al pubblico su come funziona lo spazio. Suggerendo che l’amore può piegare il tempo, o che i viaggi nello spazio siano un viaggio psichico, non semplificano questi concetti in  modo da renderli più comprensibili per le persone senza formazione scientifica. Li travisano semplicemente. Invece di rendere la scienza più emozionante ed accessibile, questi film la rendono più confusa.

(…)
Non sto dicendo che la fantascienza debba aderire a una formula noiosa di raccontare solo storie che si basano su teorie scientifiche stabilite. Mi preoccupo però quando la scienza è ridotta a spiritualità. Ci sono verità, là fuori, scoperte dalla scienza. E non dobbiamo dimenticarle o il futuro è veramente perduto.”

Chiaro, no?

[Inizio autocitazione] Come scrissi a suo tempo a proposito del “Codice da Vinci”, il rischio è che dopo avere letto il romanzo (ro-man-zo) la gente pensi di essere più acculturata. [Fine dell’autocitazione]

Per concludere vorrei condividere un altro articolo che fa il pelo e il contropelo al film, firmato da Phil Plait, astronomo e scrittore. Ma questo è già in italiano e ve lo leggete da soli.

Annunci

Un pensiero su “Interstellar, ovvero “è solo un film” – parte seconda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...