Dispar condicio

Ho bisogno di uno spazio tranquillo per ragionare su una certa cosa. Quale posto più accogliente del mio blog?

Nel gruppo di Facebook, che carinamente l’amica Rossa mi ha chiesto di amministrare con lei, si è scatenata una polemica sull’imparzialità della moderazione applicata su certi commenti.

Il gruppo ha come tema centrale la lingua italiana, o meglio, gli errori e gli orrori che si leggono e si sentono in giro. Un tema neutro, uno potrebbe pensare. Sbagliato. La lingua è anche molto politica e, se si vuole (e sottolineo se), offre facili appigli a dichiarazioni, battute, esternazioni al limite dell’insulto.

E questa è la premessa.

Ora si dà il caso che, come molte altre persone, perfino io abbia delle preferenze in politica. O meglio, delle s-preferenze (so che non si dice, ma qui sono nel mio blog e scrivo quello che mi pare). È facile quindi capire che di fronte alla battuta malevola su uno strafalcione linguistico di Salvini (tanto per fare un esempio) non mi faccia né in qua né in là, anzi, se sono di buonumore mi scappa pure un “mi piace”. Questa azione apparentemente semplice e innocua, viene registrata e giudicata dagli ipotetici (sia ben chiaro, è una storia romanzata, questa) sostenitori filo-leghisti (o di destra, o di… che ne so. Magari sono solo scassamaroni patentati).

I quali poi notano (forse hanno un quadernino nero in cui prendono appunti) che la stessa reazione condiscendente non si ha quando insulti (e per me idiota è un insulto, non so per voi), battutine stizzite e spesso gratuite, vengono rivolte verso altri personaggi di altre correnti politiche.

È vero. Io non sono imparziale. Io non sono equidistante. Per me non sono/siamo tutti uguali. Sono una che sceglie da che parte NON stare, perché l’imparzialità è di chi non ha opinioni o di chi, ipocritamente, finge di non averle.

Se fossi un Giudice sarebbe un problema, ma non devo decidere della vita e della morte di nessuno. Quindi continuerò ad avere delle opinioni e a essere di parte. E se non sono dalla parte che piace agli altri, pazienza. Essere popolare non è mai stato uno dei miei obiettivi.

E ora beccatevi pure la canzone.

E poi ti dicono tutti sono uguali

tutti rubano alla stessa maniera

ma è solo un modo per convincerti

a restare in casa quando viene la sera.

Interstellar, ovvero “è solo un film” – parte seconda

Tra le recensioni del film del momento, ho trovato questo interessante articolo di Annalee Newitz, giornalista esperta di scienza e tecnologia, che, analizzando l’andamento di certa fantascienza, definisce anche a me stessa un paio di concetti che avevo percepito, ma non razionalizzato così chiaramente.

Per chi non avesse troppa dimestichezza con l’inglese, mi permetto di proporne una versione parziale in italiano.

Premessa: la traduzione in certi punti non è letterale, ma spero di avere mantenuto il senso del discorso. (Non sono una traduttrice, e questo passa il convento. Inoltre in alcuni passaggi ho chiesto la consulenza del mio astronomo personale, quindi se c’è qualche inesattezza la colpa è sua. Anche voi però potreste darvi da fare e studiare l’inglese, eh?).

“(…) Chiariamo subito una cosa. Non ci sono film di fantascienza che siano perfettamente corretti, quando si tratta di fisica e di altre aree della scienza. Qualsiasi storia che coinvolga il viaggio interstellare è, per definizione, basata sulla speculazione. Non abbiamo idea di come funzionerebbe un viaggio più veloce della luce, così ci affidiamo ad analogie semi-scientifiche, dai viaggi spazio-temporali (wormhole) ai salti interdimensionali, dall’ipersonno al trasferimento della mente. Queste analogie sono tutte basate sulla conoscenza scientifica contemporanea, ma naturalmente sono anche estrapolazioni imprecise che possono alla fine rivelarsi una completa sciocchezza (N.d.T. sarebbe bullshit, ma insomma ci siamo capiti…).

Ma c’è una differenza tra il viaggio spazio-tempo, che è raffigurato superbamente in “Interstellar”, e l’idea che l’amore sia una “quinta dimensione” che può consentire a un uomo di saltare all’interno di un buco nero e viaggiare a ritroso nel tempo per comunicare con la figlia di 10 anni. Questo è ciò che ci viene chiesto di credere in “Interstellar”, la cui scena culminante vede Cooper volare dentro il buco nero Gargantua. Una volta che è all’interno, viene salvato da misteriosi esseri penta-dimensionali che lo mettono in un ipercubo dove il tempo si comporta come lo spazio – siamo in grado di vedere milioni di versioni della camera della figlia intorno a lui, ognuno dei quali rappresenta una fetta di tempo.

Fino ad ora, siamo su un terreno strano, ma ancora relativamente solido, quando si tratta di scienza speculativa. Il fisico Kip Thorne, che è stato consulente del film, scrive nel libro intitolato “The Science of Interstellar” che potrebbe immaginare plausibile un tale evento. Altri fisici non sono d’accordo con lui, ma non è questo il problema. Il vero problema è che Cooper capisce come contattare sua figlia ricordando ciò che la sua collega Brand gli ha detto – che l’amore è una “forza” che trascende le dimensioni, proprio come fa il tempo. Usando la forza dell’ “amore”, che lo guida attraverso la sconcertante serie di tempo-camere, trova finalmente la giusta versione di sua figlia con cui comunicare. E le manda un messaggio attraverso il tempo.

Questo è un esempio di confusione tra fisica e metafisica, assumendo che i fenomeni osservabili come la gravità siano stati psicologici come l’amore. In altre parole, si confonde la linea tra scienza e spiritualità, senza mai ammettere però che è quello che sta succedendo.
(…)
il problema qui non è sostenere che le credenze spirituali possano mescolarsi con la realtà scientifica. Il problema è confondere le categorie. Solo perché due cose sono ugualmente importanti non significa che siano la stessa cosa. Non c’è assolutamente alcuna prova che l’amore trascenda il tempo, ma c’è una significativa prova fisica che altre dimensioni lo facciano.

Questo concetto che l’amore “trascende” lo spazio e il tempo fa un’apparizione anche in “Contact”. In quel film, basato sul lavoro di Carl Sagan, la protagonista compie un viaggio attraverso lo spazio/tempo e comunica con gli alieni che prendono la forma di suo padre. L’idea è che sono così alieni che le possono apparire solo assumendo la forma di una persona che ama. In ultima analisi, il suggerimento in “Contact” – come in “Interstellar” – è che l’amore è una forza che possiamo misurare con la fisica.

Probabilmente possiamo trovare un sacco di queste analogie tornando indietro fino a “2001: Odissea nello spazio”, che è stato scritto da Arthur C. Clarke nel 1960. In quel film, scopriamo che l’umanità è stata tirata su da alieni divini che ci hanno osservato con benevolenza per centinaia di migliaia di anni. Ora che stiamo lasciando la Terra, tornano a salutarci – e l’esperienza è rappresentata come una sorta di rinascita spirituale.

(…)

Astronauti a confronto

Astronauti a confronto

Come “Contact”, “2001 Odissea nello spazio” offre immagini totemiche con uno sforzo di rappresentare qualcosa che è profondamente irrappresentabile. E sia, ma il problema è che conduce ad una quantità di pensiero errato su ciò che è scientificamente plausibile. Ciò che è meno accettabile in film come “2001 Odissea nello spazio”, Contact, “Interstellar” e molti altri è che vogliano rivendicare una sorta di validità scientifica.

Si tratta di film che hanno lo scopo di divulgare la scienza e il nostro desiderio di colonizzare lo spazio, e tuttavia fondamentalmente mentono al pubblico su come funziona lo spazio. Suggerendo che l’amore può piegare il tempo, o che i viaggi nello spazio siano un viaggio psichico, non semplificano questi concetti in  modo da renderli più comprensibili per le persone senza formazione scientifica. Li travisano semplicemente. Invece di rendere la scienza più emozionante ed accessibile, questi film la rendono più confusa.

(…)
Non sto dicendo che la fantascienza debba aderire a una formula noiosa di raccontare solo storie che si basano su teorie scientifiche stabilite. Mi preoccupo però quando la scienza è ridotta a spiritualità. Ci sono verità, là fuori, scoperte dalla scienza. E non dobbiamo dimenticarle o il futuro è veramente perduto.”

Chiaro, no?

[Inizio autocitazione] Come scrissi a suo tempo a proposito del “Codice da Vinci”, il rischio è che dopo avere letto il romanzo (ro-man-zo) la gente pensi di essere più acculturata. [Fine dell’autocitazione]

Per concludere vorrei condividere un altro articolo che fa il pelo e il contropelo al film, firmato da Phil Plait, astronomo e scrittore. Ma questo è già in italiano e ve lo leggete da soli.

Interstellar, ovvero “è solo un film” -parte prima

       Siccome il film è lungo ho pensato di dedicargli un post in due parti.

Ho visto “Interstellar” domenica scorsa, in compagnia di un radioastronomo.

Non è che io mi scelga l’accompagnatore al cinema in base al film, altrimenti guarderei solo quelli di surfisti. (“Un mercoledì da leoni” o “Point Break”, non so se mi spiego). No, casualmente colui che mi fa pedalare, e che, come si dice, condivide una parte della mia vita, fa questo mestiere.

Non è incidentale che l’abbia precisato, perché già durante la visione l’ho sentito mugugnare. Siamo ambedue appassionati di fantascienza, sia scritta che vista, da molti anni, e quindi siamo anche abbastanza smaliziati da non cadere in deliquio alla prima scena di effetti speciali in dolby surround.

Travolta dal coro ululante di un pubblico estasiato e concorde (almeno così mi pareva di primo acchito), ho provato ad avanzare qualche critica nella pagina Facebook del film, ma sembravo una mosca bianca, o una pecora nera. O una qualsiasi altra bestia dal colore acceso.

- Babbo, da grande voglio fare la ballerina. - Murph, tu ci rovini tutto il film...

– Babbo, da grande voglio fare la ballerina.
– Murph, tu ci rovini tutto il film…

Preciso che a me il film è piaciuto, tutto sommato, perché in quasi tre ore non fa nemmeno appisolare, perché il cast è solido anche nei ruoli “minori”, perché gli effetti sono speciali, perché la tensione coinvolgente e la musica avvolgente. Se non fosse stato presentato come un capolavoro assoluto, il film della svolta dell’umanità, basato su verità scientifiche, non starei qui a cavillare. Gli avrei dato quattro o cinque palle. Il problema è leggere commenti entusiasti di gente che di scienza non sa un’acca, e che invece, dopo aver visto il film, si sente con la verità in tasca pronta per capire i segreti dell’universo. Inoltre, se gli si fa presente che forse qualche “piccola” incongruenza c’è, rispondono che non capisci e che il film non è per tutti.

Poche cose mi fanno andare veramente in bestia. La più efficace è essere derubricata come se fossi una stupida, da chi non saprebbe nemmeno cosa vuol dire “derubricata”.

(continua)

Tu mi turbi, signorina.

Non poteva sfuggirmi la fuga di foto di alcune giovani (per fortuna) attrici americane discinte. Credo che a nessuno sia sfuggito, perché ci stanno massacrando da giorni con questo evento informatico/gossipparo.

Penso che le ragazze abbiano peccato solo di ingenuità, dimostrando una certa sprovvedutezza. Non è gente quella che ha bisogno di questo tipo di pubblicità, anche se devo ammettere che alcune non le avevo mai sentite nominare, ma io non faccio testo, sono anziana.

In un commento su Facebook ho trovato il link per vedere le foto di Jennifer Lawrence: sono carine, lei è bella e non volgare. Non so se questo cedere alla curiosità faccia di me una cattiva persona, perché quelle foto non erano destinate alla visione pubblica.

In questo caso chiedo scusa a Jennifer “I’m sorry, I’m so sorry” come direbbe un certo Doctor.

Fanno bene a perseguire legalmente l’invadente che si fa chiamare TheOriginalGuy, spero che lo puniscano, e che impari a farsi i selfie e i fatti suoi. Ognuno ha il diritto di fotografare la sua roba in santa pace.

Quando non esistevano le fotografie, le star di Hollywood si rivolgevano ai grandi pittori. Questo è di Ingres.

Quando non esistevano le fotografie, le star di Hollywood si rivolgevano ai grandi pittori. Questo è di Ingres.

Non mi interessano i motivi per cui la gente si fotografa senza vestiti addosso; anche solo per vedere l’effetto che fa, per me va bene, non è questo che mi turba nella vita. Mi disturbano le immagini dei morti, per esempio, le scene di decapitazione non mi lasciano indifferente, la violenza la reggo solo se è finta nei film.

Ma un sedere no.

Comunque, per sicurezza, le mie le tengo strette in un disco esterno, ben staccato da ogni rete. Il tizio originale è avvertito.

È troppo tardi?

Grazie a una segnalazione su Facebook, mi sono imbattuta in questo interessante articolo dal titolo, almeno per me, folgorante: Analfabetismo funzionale, l’Italia è al primo posto.

In parole poverissime, gli italiani sanno leggere, ma, nel 47% dei casi, non capiscono quello che leggono.

Quindi circa la metà degli italiani non afferra le metafore, non sa compiere le astrazioni, non va oltre il significato letterale. Di questo io qualche sentore l’avevo già avuto, ma, per fare una semplice verifica, basta dare un’occhiata ai social network, dove gli analfabeti funzionali (e non solo funzionali) sguazzano come trote negli allevamenti.

Essi commentano a prescindere, dopo aver letto quasi sempre solo il titolo della notizia, fissandosi sul particolare senza vedere il generale, mostrando spesso un’aggressività ingiustificata, o sproporzionata alla situazione, che tende a spostare il tema della discussione. Da cui il “benaltrismo” che fiorisce come una pianta infestante, contro la quale nessun pesticida pare abbia potere.

Non so se sia un fenomeno recente, probabilmente no; è il mezzo che facilita l’espressione, dà accesso a chiunque e chiunque si sente autorizzato a scrivere la sua opinione, anche se è parziale, superficiale, miope, come dice nell’articolo.

maestro manziNegli anni ’60 il Maestro Manzi contribuì enormemente a far uscire gli italiani dall’analfabetismo grazie alla televisione; oggi la situazione è più difficile perché gli analfabeti funzionali non sanno di esserlo, se così non fosse si fermerebbero a riflettere e sarebbe già un passo in avanti.

Critica

Leggendo in giro saltando di link in link, seguendo spesso un filo poco logico e casuale, mi capita spesso di imbattermi in siti, blog o quello che sono, che parlano di libri, film e serie tv. Ora che ci penso il filo non è poi così illogico, dato che sono tra gli argomenti che preferisco.

Per questo mi fermo e leggo le cosiddette “recensioni”. In alcuni casi, non tutti s’intende, le virgolette sono obbligatorie perché, secondo me, una recensione è una cosa diversa.

A colpo d’occhio sono dei pezzi piuttosto lunghi, corredati da foto, screenshot e video. Leggendo mi accorgo però che la gran parte del post (o articolo, come piace chiamarlo agli autori per sentirsi giornalisti) non è altro che il riassunto più o meno dettagliato della trama. Inutile poi buttare lì “cifra stilistica” o “stilemi” nelle ultime due righe come una formuletta magica, per illuderci che chi scrive sia un espertone di linguaggi visivi. Se mi racconti per filo e per segno tutta la puntata, nel migliore dei casi, se l’ho già vista, mi fai perdere 10 minuti. Nel peggiore dei casi, mi inondi di spoiler e la prossima volta mi guarderò bene dal caderci di nuovo.  ratatouille-anton-ego

È come quando propongono l’ascolto guidato di un’Opera. Non è che mi devono presentare l’intreccio, se non per i fatti fondamentali. Alessandro Baricco (quello figo, abilissimo scrittore del nulla) è un eccellente narratore di musica, spiega il ruolo degli strumenti, accompagna nel dipanarsi di note e melodie, presenta aneddoti e curiosità, è un vera guida nell’ascolto.

Mi è capitato, viceversa, di assistere a una serata dedicata a “Jesus Christ Superstar”, con il conduttore che si è limitato a raccontare la storia. Praticamente era una lezione di catechismo, con l’ascolto di musica che posso fare quando voglio, per conto mio, mettendo il vinile sul giradischi.

Da una recensione mi aspetto un’analisi, un giudizio, una guida, non il racconto pedissequo di quello che succede. Per ora l’età senile non mi impedisce di capirlo da sola.

Nei siti stranieri si parla di “recap” che vuol dire sommario, riassunto. Se non sai recensire un prodotto, non m’illudere, recappalo pure, magari anche con le battutine da divano che funzionano sempre con gli amici. Ma criticare è una cosa seria.

Mamma mi si è allargato il treno

Oggi leggevo una simpatica notizia (sono sempre meno) a proposito delle ferrovie francesi che hanno ordinato 2000 treni nuovi e poi si sono accorti che sono troppo larghi, e non gli entrano nelle Stazioni. Così ora devono spendere 50 milioni di euro per adeguare le banchine. Come facciano non lo so, forse segano i marciapiedi.

Ovviamente la notizia è simpatica per modo di dire, perché è una brutta bega da risolvere, anzi, col linguaggio “qualitatese” è proprio una non conformità grave, gravissima.trenofrancese

Quando seguivo il corso sui sistemi di gestione, la cosa che mi ha più colpito era l’ovvio, o almeno quello che secondo me era ovvio. In questo caso, richiedere che un treno riesca a entrare in Stazione sarebbe ovvio. Ma evidentemente non va dato mai nulla per scontato.

Durante una lezione l’ingegnere docente ci presentò come esempio una fabbrica di radio. “Quali sono i requisiti del prodotto?” E noi lì a scervellarci.

“Che funzioni” suggerì l’ingegnoso ingegnere. A quel punto mi lanciai in una elencazione che comprendeva non esplodere quando veniva accesa, che non si squagliasse d’estate, e che non si disintegrasse durante uno spostamento. Come requisito ulteriore che censurasse in automatico le canzoni di Gigi D’Alessio (o di qualunque altro cantante, a scelta dell’acquirente).

Nel caso attuale, non so se questi treni abbiano una larghezza standard e l’errore sia stato di chi li ha ordinati. Oppure se il progettista abbia sbagliato il numerino sul disegno (pare in effetti che sia un errore di progettazione); avrà pensato, facciamolo bello largo così la gente ci sta più comoda. Poverino, in fondo il ragionamento non era sbagliato, però subito dopo avrebbe dovuto controllare. A me sarebbe venuto in mente, anche se non ho studiato ingegneria ferroviaria, o comunque si chiami.

Naturalmente fior fiori di ingegneri, progettisti, esperti di ferrovie stanno discutendo sui social network sulle cause del malestro e su come si possa risolvere. Lo zoccolo duro è preso dal tema “bisogna allargare la banchina o i binari?”.  Il tutto infiorettato da luoghi comuni ed errori grammaticali.

Qualcuno infine, come poteva mancare?, sospetta il “gomblotto”. Che il progettista fosse in combutta con le “Imprese per l’allargamento delle banchine ferroviarie”?

Breaking Bad de noantri

“Ieri sera, dopo un lungo periodo di astinenza, alleviato da visioni casalinghe, sono tornata al cinema. Purtroppo era una di quelle multisala luccicanti e piene di caramelle, coi display come alla stazione, e le code come alla posta; ma per fortuna quando si spengono le luci, ci si può dimenticare che siamo lungo la tangenziale, circondati da centri commerciali e parcheggi.

Già da prima che uscisse ho desiderato vedere “Smetto quando voglio”; l’idea dei ricercatori precari e/o disoccupati che creano una banda di spacciatori mi solleticava parecchio. Per motivi personali.

Non che io sia mai stata coinvolta nella produzione o spaccio di droga, ma nella precarietà e nella disoccupazione dei ricercatori sì.

Il film si è mantenuto ai livelli delle mie aspettative, o speranze. E’ divertente, fa pensare, ben recitato, scorre via gioiosamente, parla di temi attuali e spesso drammatici con leggerezza ma non superficialità. Facce vere, attori semigiovani e conosciuti ma non troppo. Avrei da ridire su un paio di congiuntivi perduti sia dal personaggio del neurobiologo che dal poliziotto, ma posso chiudere un orecchio, per stavolta.

In conclusione non posso che consigliarne la visione, anche a coloro che, come me, apprezzano certe ottime serie televisive, alle quali il film strizza l’occhio con piacevoli rimandi.”smetto-quando-voglio-recensione

Questo è ciò che avrei scritto subito dopo la visione del film, o al più tardi questa mattina.

Se non che, un curioso episodio mi stimola ad aggiungere qualche ulteriore osservazione.

Nella pagina Facebook di Fandango, che ha prodotto il summentovato film (scusate ma sono sotto l’influsso manzoniano), sotto la notizia di un incontro con gli attori, una gentile utente aveva lasciato un commento di questo tenore (non ricordo le parole esatte): “Spero che qualcuno farà notare che il film è palesemente ispirato a Breaking Bad.” Al che io ho aggiunto (parole testuali, rimaste nel registro nelle mie attività); “L’ho visto ieri sera e ho avuto questo pensiero tutto il tempo! Però ciò non toglie che sia un film divertente e ben recitato”.

Orbene, dopo pochissimi minuti il commento è stato eliminato e con esso il mio.

Quindi userò questo post nel mio blog per affermare senza tema di censure, che “Smetto quando voglio” è un omaggio (e se non è così allora è una scopiazzatura) dall’inizio alla fine alla serie americana TV “Breaking Bad”, anzi, alla grandissima serie TV, perché è una delle migliori produzioni che si siano mai viste sui teleschermi di ogni tempo. A richiesta articolerò un’analisi dettagliata della mia affermazione; non lo faccio ora perché non voglio spoilerare e togliere quindi il gusto di andare a vedere il film.

(Comunque Sermonti è figo anche quando fa il coatto).

Ci piace il mi piace (solo quello)

Passando su facebook più tempo a leggere che a scrivere, mi sono venute alcune considerazioni, che vorrei condividere in questo personale spazio stile “casa delle libertà” di guzzantiana memoria.

Siccome più di una volta sono rimasta stupita, perplessa o addirittura basita di fronte al plauso di elementi francamente insignificanti, se non addirittura da disapprovare (sempre e solo altrui, ça va sans dire), ho cercato di capire se e in che modo, il famigerato tasto “mi piace” possa essere cliccato e con quale significato.

1. Piacere. E’ la versione più semplice ed elementare. Questo elemento mi piace. Ovviamente non necessariamente è vero, basta farlo credere.

2. Presa visione. Mi hai taggato in una foto, mi comunichi qualcosa. Ho letto.

3. Nulla osta. Va bene, può andare: sono d’accordo. Ok.

4. Esistenza. Clicco per dimostrare a chi pubblica la notizia/foto/status che ci sono anch’io. Non si esclude la possibilità di un lieve tono polemico: “occhio, che ho visto cosa hai scritto”, accompagnato dal gesto occhio-dito puntato.

5. Partecipazione. Di solito è sotto a notizie drammatiche, non si esprime piacere, ma empatia. E’ una specie di mesto scuotimento di testa, un abbraccio commosso.

6. Esibizione. Il “mi piace” ci fa apparire tra le notizie altrui, è economico, è meno impegnativo di una condivisione, clicchi e immediatamente compari nel tuo piccolo mondo di contatti. In questo caso non è molto importante a cosa ci si riferisca; non è l’arrosto che conta, ma il fumo. Clicco dunque sono.

7. Ammiccamento. In questo caso la comunicazione va oltre l’elemento cliccato. E’ un segno di confidenza, presunta o reale, si fa l’occhiolino al resto del mondo: “clicco qualsiasi cosa pubblichi, voi non potete capire” volendo far immaginare chissà quali profondità di rapporto.

Se scoprirò altri reconditi significati provvederò ad aggiornare la lista.

Tempo fa si era parlato di una possibile attivazione del “non mi piace”, che io accoglierei, pronta ad assistere a flame quotidiane al ritmo di “e perché non ti piace, [insulto a piacere]?”. Dal mio punto di vista sarebbe un’opzione divertente, ma non credo che verrà mai implementata: è contraria alla reale filosofia di facebook, dove ognuno si espone per misurare il consenso altrui, non per avere delle critiche.

A me piacerebbe una rete matura, fatta di persone consapevoli, sincere e dirette, pronte a mettersi in discussione, disposte a capire le ragioni degli altri, informate e capaci di informarsi, dotate di un’ottima padronanza della lingua italiana e… poi vorrei che non ci fossero più bambini che muoiono di fame e che ci fosse la pace nel mondo.

Dannati fiorentini

Siamo alle solite.

“Dommage que ces derniers soient moins nombreux que les groupes à fanions et sandales qui zappent de trésors en trésors, rendant la ville parfois insup­portable. Files d’attente épouvantables, vendeurs impolis, commerçants escrocs, personnel des musées arrogant…”

Questo è un brano dell’ articolo pubblicato su Le Figaro del 9 luglio, sulla presentazione dell’ultimo romanzo di Dan Brown che si svolge in gran parte a Firenze. Non entro nel merito letterario; lo farò in seguito.

I' Domo e i' campanile di Giotto. (Foto mia)

I’ Ddomo e i’ Ccampanile di Giotto.
(Foto mia)

Vorrei invece affrontare un tema che periodicamente mi si ripropone, come una peperonata non digerita.

Sono i fiorentini maleducati, arroganti e, aggiungo io così si fa prima, presuntuosi? A onor del vero l’articolo parla dei bottegai e del personale dei musei, ma io allargo il giudizio (o pregiudizio) a tutto il popolo, perché tanto è quello che si dice in giro.

Dunque, io non sono nata a Firenze, ma ci vivo da quando avevo 14 mesi, indi per cui non sono fiorentina D.O.C.G., ma ne ho una qualche esperienza di vita.

Detto questo, ogni volta che mi viene fatta un’osservazione del genere (siete chiusi, siete snob), io domando, con sincera volontà di capire, da cosa lo evincano e soprattutto in che modo le altre cittadinanze viceversa dimostrino di essere aperte e alla mano. Chiedo esempi ed esperienze concrete.

Nessuno, e dico nessuno, è mai riuscito a spiegarmelo o a convincermi. Sicuramente è un mio limite. Sicuramente.

Ma a questo punto del cammino di nostra vita, qualche ipotesi l’ho formulata.

1. Non ci s’intende. Il fiorentino è (sempre parlando in soldoni) linguacciuto e poco incline ai salamelecchi, dotato di un umorismo corrosivo, spesso scambiato per cattiveria. Soprattutto da chi non sa rispondere a tono. E so bene che in questi casi ci si deve limitare; non sta bene sparare sulla croce rossa insomma, anche perché è troppo facile e di poca soddisfazione. Solo che a volte scappa la battutina sarcastica e uno ci resta male, ma non è mica colpa nostra.

2. Quella che viene definita “chiusura” è semplicemente riservatezza. Un vicino di casa che si presentasse alla porta con la torta di benvenuto, come si vede in certi film americani, a me parrebbe invadente. E ricordiamoci che spesso quei tipi lì si rivelano serial killer con le vittime a pezzi nel congelatore.

3. Mi sono sentita dire “E’ difficile fare amicizia coi fiorentini, si ritrovano solo tra di loro”. A questo non so che rispondere, io ho sempre faticato con tutti. In quanto agli inviti, ne ho sempre fatti pochi, è vero, ma con criteri selettivi che nulla avevano a che fare con la geografia. Non ho mai sentito nessuno dire “faccio una cena a base di finocchiona e pasta e fagioli, sicché te che sei di [località a piacere] ‘un tu ‘ppoi venire, sennò mi si contamina la purezza del DNA dei commensali”.

4. E se poi la falla fosse dall’altra parte? Se la chiusura fosse dell’accusatore piuttosto che (ammirate l’uso corretto della locuzione) dell’accusato? Ricordo le studentesse fuori sede quando, nell’altro secolo, andavo all’Università, stavano sempre tra di loro, in gruppetti – quelli sì – chiusi e serrati. Avevo un’amica di Taranto, con cui studiavo e andavo al cinema, ma le altre erano inavvicinabili. Evito qui di fare supposizioni, avranno avuto i loro motivi.

Concludo questa breve, incompleta e del tutto personale disamina con una riflessione che dovrebbe pacificare gli animi di tutti.

Sarebbe meglio che queste diatribe finissero, perché sono sterili e inutili.

Tenendo conto che i maleducati esistono, che gli arroganti esistono, che i presuntuosi esistono, dobbiamo però volerci bene, sentirci umani tra gli umani, fratelli tra i fratelli e cugini tra i cugini (i francesi), anche perché ai fiorentini d’essere definiti spocchiosi, snob, o brutti e cattivi, da fratelli e cugini, non gliene importa un fico secco.