Saluti di passaggio.

Quest’anno ho imparato una cosa nuova.

I motociclisti quando si incontrano sulle strade si salutano. Anche se non si conoscono, intendo.

Io non lo sapevo. Pensavo che fosse già un’usanza bizzarra lo strombazzamento sull’autostrada del Sole, negli anni ’70, quando con la 128 blu andavamo in vacanza in Calabria.

Capitava di incrociare altre autovetture targate FI. All’epoca le targhe indicavano chiaramente la provincia, ora bisogna sforzarsi perché è scritto piccolo e non sempre c’è.

Insomma noi bambini eravamo tutti eccitati per questo straordinario incontro, così lontani da casa, e mio padre, per assecondare il nostro entusiasmo, usava il clacson per salutare i concittadini in trasferta. Che poi magari era solo la targa fiorentina, ma a noi questo non importava molto e salutavamo agitandoci con infantile ardore dai finestrini (chiusi).

Anche dai natanti la gente saluta. Per esempio ad Amsterdam i passeggeri sui battelli agitano affettuosamente le mani verso i passanti sulla terraferma e sui ponti. Chissà come mai.

saluto moto

Esempio di saluto bi-digitale senza guanti.

I motociclisti invece, siccome non è prudente che facciano gesti inconsulti, alzano appena due dita della mano sinistra, quando si incontrano nelle direzioni opposte. Come nel segno di “vittoria”. Oppure come quando si chiedeva il permesso di andare al gabinetto.

I più ardimentosi, o più espansivi, sollevano la mano dal manubrio.

Quelli che invece procedono nella stessa direzione, superandosi, alzano la gamba destra.

All’inizio pensavo che soffrissero del mio stesso problema, un intorpidimento della parte inferiore del corpo, a causa del sistema muscolo-scheletrico-circolatorio compresso dalla posizione e dal sellino. Temo di non essere nelle condizioni fisiche ottimali per apprezzare tutta questa libertà e vento tra i capelli (metaforicamente parlando) per più di un’ora. Però trovo divertente il senso di appartenenza, e saluto anch’io, in qualità di passeggera indolenzita.

Mi è stato anche spiegato che chi va in scooter non conta, quelli non vanno salutati. Io però un occhiolino di solidarietà glielo farei.

Thank you, bis

Oggi è il giorno del Ringraziamento negli Stati Uniti, e lo sappiamo bene noi cresciuti a pane, nutella e telefilm. Una volta l’ho vissuto direttamente anch’io. Siccome è un’esperienza che rischia di restare unica (ma non mettiamo limiti), la ripropongo oggi in memoriam dei tacchini arrosto passati, presenti e futuri.

Cliccare la foto per leggere quella volta che ero a New York e…

New York City, Thanksgiving Day 2008

New York City, Thanksgiving Day 2008

Pedalo strano

La mia routine è tornata sui binari consueti, dopo un brevissimo periodo in cui lo sfasamento è stato comunque minimo.

Insomma, niente villeggiatura neppure quest’anno. E non uso questa parola a caso, ché i disoccupati non hanno ferie, e viceversa sono sempre in vacanza, etimologicamente parlando.

Sono stata trascinata, quasi alla lettera, lungo le strade dell’Emilia Romagna, a bordo di un veicolo più unico che raro. A questo proposito, se a qualcheduno capitasse di vedere, o gli fosse narrato da conoscenti stupiti di aver avvistato uno strano modello di velocipede a due posti (un tandem insomma), coi pedalatori seduti in posizione reclinata, ecco, sappiate che quella dietro ero io. Non ci si può sbagliare, sul territorio nazionale non ne esistono altri esemplari.

Il tandem reclinato, di produzione olandese, allestito per un breve viaggio.

Il tandem reclinato, di produzione olandese, allestito per un breve viaggio.

E non lo dico con l’arietta soddisfatta, che si sappia. Immaginate un’espressione timida e quasi implorante comprensione.

La gente che ci vede normalmente sorride, ci addita, si ferma a guardare, saluta. Qualcuno ammicca e allude alla comodità di chi sta dietro perché può viaggiare a sbafo. A questo proposito colgo l’occasione per precisare che, data la configurazione del mezzo, non è possibile per il viaggiatore posteriore smettere di pedalare. Quindi piantatela di fare illazioni: io pedalo sempre.

I più ardimentosi ci rivolgono la parola immaginando una risposta in lingua straniera. Così ci è stato detto “Pensavo che foste tedeschi”. Che poi al massimo io potrei essere una tedesca oriunda, perché non ho i tratti caratteristici del popolo germanico.

Anche se ultimamente il mio parrucchiere ci è andato giù pesante coi colpi di sole. Forse è per quello.

Attendere, prego.

C’era una volta la sala d’attesa della Stazione ferroviaria. Il viandante poteva attendere colà l’arrivo del proprio treno, sia che si trattasse di un tipo ansioso e quindi in anticipo sull’orario di partenza, oppure mestamente vittima di fastidiosi ritardi.

Naturalmente esistevano ambienti rigorosamente separati per le due classi di viaggiatori: quelli di prima, con valigette e aria altezzosa e i poveracci di seconda categoria, con le valigie di cartone e i panini con la braciola impanata. Nella sala di prima classe si stava seduti in poltrona consultando documenti e giornali finanziari, in seconda si stava stravaccati sulle panche di legno, sonnecchiando o sfogliando riviste popolari, come Stop e i fotoromanzi Lancio.

Ovviamente sono luoghi comuni, una volta ho visto uno che leggeva il Sole 24 ore nel reparto dei viaggiatori poveri. Cosa succedesse nella sala di prima classe non lo so, perché non ricordo di esserci mai stata.

Font anni '30

Font anni ’30

In ogni caso, almeno nella Stazione di Santa Maria Novella, della sala d’attesa è rimasta solo la scritta in stile vintage.

E allora dove si sta ad aspettare i treni? Prima di tutto lungo il marciapiede in base al numero della carrozza, non oltrepassando la linea gialla. Se però ci si volesse mettere a sedere le opzioni sono le seguenti: sulle panchine lungo i binari (ma se poi all’ultimo momento cambiano il numero del binario si rischiano affannose corse), per terra (per chi ce la fa poi a rialzarsi), sulle basi delle strutture pubblicitarie, oppure sulle durissime poltrone di metallo che sono state piazzate in mezzo alla sala della biglietteria, che i moderni sistemi di vendita hanno reso molto meno frequentata.

Viaggiatori in attesa sul basamento del pannello pubblicitario.

Viaggiatori in attesa sul basamento del pannello pubblicitario.

Se però siamo viaggiatori ad alta velocità, da qualche tempo esiste (per alcuni) l’opzione Casa Italo e Club Frecciarossa. Ma, mentre Casa Italo apre le sue porte trasparenti a chi sia dotato di un qualunque biglietto per il treno rosso amaranto, Trenitalia ammette nel suo esclusivo Club soltanto i vip con tessere oro, incenso e mirra, oppure chi sceglie le categorie più alte e senza sconti (anche io ogni tanto viaggio in classe business area silenzio, ma con tariffe economiche, e quindi non vale e aspetto in piedi). Chi più paga, più sta comodo, è questo il principio.  P1030351

Ammetto che un certo peso ce l’ha, sulle mie scelte di viaggiatrice frequente, e comprendo benissimo che per Trenitalia questo non costituisca un motivo di afflizione.

Ma se la scelta di escludere i viaggiatori smart (ci prendono pure in giro) serve per tutelare il relax dei viaggiatori vip, posso assicurare che tolgo sempre ogni suono prima di giocare a Ruzzle o a Candy Crush Saga.

Dovrebbe bastare.

Vacanza?

Secondo il significato etimologico, “vacanza” è il periodo privo di impegni, vuoto, libero da occupazioni. Non sono in vacanza, di cose da fare ce ne sono tutti i giorni, nessuna ludica, nessuna apportatrice di gioia o serenità.

Però andare in vacanza d’estate ha un senso. Perché fa caldo, perché il periodo di luce è più lungo e quindi… Francamente non lo so. So solo che io, da qualche tempo, sono abbattuta da una fiacca senza precedenti.

Non è pigrizia, quella la riconosco: è quando non ho voglia di fare niente. Stavolta invece voglio agire, ma sono gli apparati che costituiscono l’organismo che non rispondono.

E’ come se l’ATP fosse sotto il livello di guardia, come se i miei mitocondri fossero in vacanza, loro.

L’unica cosa che mi riesce bene è dormire. Come diceva la canzone dedicata alla stanchezza “Il mio cuore si ribella a te, ma il mio corpo no”. Si riferiva ad altro? Non importa.

Davvero, mi piacerebbe scrivere ancora ma proprio non ce la fac

Ferragosto

Ci tengo a scrivere qualcosa, qualsiasi cosa, oggi 15 agosto.

Il giorno vacanziero per antonomasia. Buon per lei. Peccato che non lo sia invece per me, che non faccio vacanze per ovvi motivi, dato che chi non ha un lavoro non ha nemmeno le ferie. Il concetto è semplice ma tarda spesso ad arrivare ai neuroni della gente, che continua a chiedere dove vado in vacanza.

Mentre c’è qualcosa di altrettanto semplice che tarda ad arrivare ai miei neuroni: gli auguri di buon ferragosto.

Da quanda è nata questa usanza? Dove? Perché? Io me la sono ritrovata tra capo e collo qualche anno fa, con messaggi sul telefono e ora me la ritrovo nei social network, segno che non è soltanto un ghiribizzo di qualche singolo bizzarro.

I gavettoni sulla spiaggia, quelli sì che andavano di moda ai miei tempi. E il falò notturno. E il cocomero riempito di vodka. E quello che suonava la chitarra.

Tutti momenti perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia.

In cambio mi fanno gli auguri però.

Buon ferragosto.

Sulla navigazione

La vicenda del naufragio della nave da crociera ha prevedibilmente provocato reazioni di rifiuto alla navigazione. Un piccolo di famiglia, di sei anni, ha testualmente dichiarato “Dopo questa notizia non andrò più sul battello”.

Tralasciando il fatto che a sei anni sappia il termine “battello” (anche se conosco uno che a tre anni pronunciò la parola “natante”, e ancora portiamo l’aneddoto come esempio di infanzia disastrata), che un bambino lo pensi è comprensibile, meno che lo pensi un adulto.

Istintivamente può anche venire in mente “Non farò mai più crociere”. Ma è un ragionamento che non regge, altrimenti non dovremmo salire più su un treno, un aereo, un’automobile. Ma soprattutto non dovremmo attraversare una strada, dato il rischio (reale) di essere investiti.

Io non sono mai stata in crociera, ma non escluso di fare questa esperienza. Non è che quello che è successo venerdì sera mi abbia lasciato indifferente, al contrario, sto seguendo con apprensione ogni fase, sperando nel ritrovamento dei dispersi vivi. Credo però che volendo programmare un viaggio in mare, convenga a questo punto ricorrere ad alcune precauzioni.

Appena saliti sulla nave, fare un giro di ricognizione per individuare le uscite di sicurezza, i salvagente e le scialuppe; osservarle bene in modo da capire come si fa a calarle in acqua. (Procurarsi il libretto di istruzioni).

Portare sempre con sé un dispositivo in grado di filmare, fotografare, registrare e pubblicare nel web. Prima di partire creare un account su youreporter.it o, per i più raffinati, su livestream.com o ustream.com, dove poter trasmettere in tempo reale.

Ma la più importante di tutte è conoscere prima il Comandante. Cercare di capire che tipo sia, assicurarsi che sia un tipo introverso, magari un po’ timido, uno che non ha tanta voglia di salutare a destra e sinistra, insomma.

Eccoci di ritorno

Breve e concisa, così è stata la vacanza. Siamo tornati in patria lo scorso sabato, in tempo per goderci fin dal primo giorno questo opprimente periodo di caldo schifosissimo.

La spiaggia di Giusterna, nei pressi di Capodistria. I bambini per fare le buche usano il martello pneumatico.

La Sirenetta di Pirano, Slovenia.

Durante il viaggio di ritorno ci siamo fermati qua e là, verificando come tra tutte l’estate sia la stagione meno adatta per il turismo, a meno di non essere appassionati di corpi in sovrappeso sudati, esposti dappertutto come Otaridi al sole.

In particolare io non lo sono del mio.

Capodistria: l'unico monumento al mondo al caduto, poco prima dell'increscioso avvenimento.

 

 

La gita è stata anche l’occasione per ripassare le nozioni della storia recente. Alla fine sono stata fortemente tentata di dichiarare guerra alla Slovenia per riprenderci l’Istria. Solo le alte temperature mi hanno convinto a desistere.

Il rientro dal Trentino, dove abbiamo fatto una visita a parenti in villeggiatura colà, è stato assolutamente tranquillo, alla faccia dei bollini rossi. L’unica cosa vermiglia è la mia faccia, ma sta già virando verso un bellissimo colore. Avrò presto la faccia di bronzo, insomma.

Sani e belli-ni

Il soggiorno tra le verdi colline croate ha assunto un irresistibile carattere di consapevole indolenza. E’ esclusa la socializzazione: italiani in giro non ce ne sono, il paese è piccolo e la gente mormora, ma è impossibile capire cosa dicano.

Non mi resta che il wellness.

Misterioso fenomeno naturale: l'acqua non fuoriesce dalla vasca, nonostante la pendenza della foto.

L’albergo Villa Magdalena è un piccolo edificio di tre piani modernamente ristrutturato in color panna e rosso scuro, alle pareti le opere astratte di un artista locale (vado a braccio). All’ultimo piano un piccolo ambiente new age, con saune, idromassaggio e angolo relax con luci colorate e pezzi pop arrangiati come canti gregoriani in sottofondo (saranno anche rilassanti, a me fanno venire il nervoso però). Nell’appartamento campeggia la vasca idromassaggio, in cui ogni pomeriggio mi faccio sciabordare coi sali al rosmarino.

Il personale è molto giovane, con grande gusto del mio compagno di viaggio, perché il tipo slavo a lui piace molto, soprattutto se è biondo e di sesso femminile. Curiosamente tra i due, sono io ad avere più sorrisi e gesti di simpatia. Lui dice perché ho superato l’età della competizione, io dico perché sono più gioviale. Ma temo che abbia ragione lui.

Il cielo sopra Zagabria

Ogni sera il cuoco Mislav ci nutre con cibi impiattati in modo artistico con pennellate e spruzzi colorati su piatti enormi e di fogge fantasiose. La qualità è più che soddisfacente, le quantità – per noi abituati a dosi materne – irrisorie o, come diceva una mia conoscente ungherese scambiando i termini, illusorie. Nel senso che le porzioni sono talmente piccole che spesso si ha solo l’illusione di avere mangiato.

Stamattina ci siamo dati ai massaggi, e ci è garbato talmente tanto che domani faremo il bis. Sì, è una vita dura, me ne rendo conto ma qualcuno dovrà pur viverla.

Passaggio a Nord Est

La prima tappa si è conclusa. Dopo una partenza incerta, con rifornimento gastronomico (da madre premurosa) e subitaneo ritorno a casa per misurare non so che cosa delle gomme, ci siamo diretti verso nord. Effettuata una sosta tecnica a Portogruaro siamo ripartiti giulivi e contenti.

"Ti fermi, così faccio una foto?" "Falla attraverso il vetro, tanto si vede lo stesso". (Foto manipolata per far finta che le macchie siano una scelta artistica)

Il bello è sopraggiunto quando il pilota-furbo ha deciso di evitare le strade a pedaggio. Questo ci ha portato a percorrere sì la strada costiera sul bel golfo di Trieste piena di bagnanti quasi sul marciapiede, ma ci ha portato fuori rotta rispetto alle istruzioni che avevo stampato dal sito dell’albergo. Il problema è nato quando ci siamo accorti che, tra le cose dimenticate (ovviamente) c’erano le cartine stradali della zona. E, nonostante due-navigatori-due, ci siamo non persi ma quasi.

Siamo comunque giunti nella per niente famosa Kozina, dove avevo trovato posto per la notte.

Notazione pratica: non trascurare che, nonostante l’abolizione delle frontiere e l’introduzione della moneta unica, le prese in Slovenia hanno due buchi e le spine italiane hanno tre pispoli. Ma anche questo impedimento è stato abilmente aggirato dal pilota-elettricista.

Casino a Kozina, Slovenia.

Dopo una cena in perfetto stile baita di montagna, non si sa perché, a base di funghi, patate e formaggi, abbiamo trascorso la serata nel Casinò interno dell’hotel, dove a botte di centesimi grazie al pilota-giocatore siamo riusciti a guadagnare la fantastica cifra di 11 euro e 75 centesimi, a rimborso di quanto (ahimé sventata), avevo speso nel pomeriggio in connessione con la mia chiavetta Wind. Infatti, nonostante quanto scritto nelle informazioni, nella nostra camera internet non funziona. In questo momento sono agganciata al wireless della hall tra “gente che va, gente che viene e non succede mai niente”.

Altra notazione: i cantanti nel Casinò sono italiani (mi astengo da qualsiasi giudizio artistico, ma s’è capito…). Il repertorio spazia da Alan Sorrenti a Nicola Di Bari. Però l’ingresso dà diritto a una consumazione e a 5 euro da giocare. L’età media dei giocatori è elevata e c’è un’alta frequenza di bermuda e pinocchietti. L’immagine del casinò come dissoluto luogo di perdizione ha lasciato il posto a un clima da colonia estiva per pensionati.

Domani si cambia Stato.